Home » Recensione: ROSE VILLAIN – “Radio Sakura” [Traccia per traccia]

Recensione: ROSE VILLAIN – “Radio Sakura” [Traccia per traccia]

C’era bisogno di Rose nella scena discografica italiana. Una affermazione e non una domanda, che prende maggior valenza dopo avere ascoltato questo suo nuovo capitolo musicale “Radio Sakura”.

Rose rimpingua il movimento femminile, si posizione come protagonista di un certo tipo di pop e lo fa con un disco che attraversa la sua intimità.

Storie e racconti di rapporti che parlano di dolori, storie complesse, difficoltà, di nostalgia e si sviluppano alla ricerca di una nuova consapevolezza piena di speranza, libertà e voglia di rinnovamento.  

Con questo disco mi sono sentita più libera che mai di essere fragile, irriverente, ambiziosa e con questa musica, per me la migliore che ho mai scritto, sono fiorita nell’artista e donna che sognavo di essere”.

Anche sotto il profilo musicale Rose attraversa vari umori. Sotto la produzione “famigliare” di Sixpm (suo compagno sonoro e anche nella vita) “Radio Sakura” manda in onda il suo palinsesto fatto di pop-urban, che dialoga con l’elettronica, con il punk e perfino con la bachata. 

Se con “Radio Gotham” scrivevamo che Rose era pronta per il grande salto con “Radio Sakura” è arrivata la primavera, ha fatto il grande balzo ed è definitivamente fiorita! 

TRACCIA PER TRACCIA

01  HATTORI HANZO ft Madame
RADIO SAKURA è un disco dedicato alle donne e non poteva che iniziare con l’unione di due artiste che si stimano e supportano. HATTORI HANZO racconta quella che sarà la tematica che lega tutto il disco ovvero che anche quando tutto sembra perduto, la resilienza, la speranza, l’amore proprio come la natura e i fiori, riescono sempre a rinascere e ricoprire tutto sotto il loro mantello verde.

02  CLICK BOOM!
CLICK BOOM! parla di amore. Uno di quegli amori che fanno una luce così forte da portare inevitabilmente con sé delle zone d’ombra: la diffidenza, l’annullamento di sé, la paura di soffrire, la paura di far stare male.

03  STAN ft Ernia
STAN parla d’amore, ma anche di amicizia o del rapporto con le persone che si stimano, che può essere talvolta viscerale e a tratti ossessivo, ma non per questo meno vero e potente.

04  HUH?
HUH? è l’inno di chi ha fatto fatica a farsi valere ma che ora si sente confident in quello che fa, è il riscatto, l’autocelebrazione di anni di gavetta e del potere femminile. E in faccia ancora a chi dubita, noi rispondiamo “huh?!!”.

05  GRAFFITI ft Bresh
GRAFFITI è una storia finita ma che non sembra realmente finire mai, di quelle che lasciano segni indelebili nel cuore, come dei graffiti.

06  IL MIO FUNERALE
IL MIO FUNERALE è un pezzo ispirato al punk anni ‘70 di qualcuno che si sente male ad una festa, che, nel caso specifico di Rose, si può interpretare come l’avere un attacco di panico per ansia sociale ma, in qualche modo, trovare poi nella sensazione di morire un lato positivo ed ironico.

07  BRUTTI PENSIERI ft thasup
BRUTTI PENSIERI è un pezzo intimo e crudo, dove Rose Villain e thasup affrontano il tema della salute mentale, di quando entri in quel loop di negatività dal quale si fatica ad uscire, ma si può.

08  HAI MAI VISTO PIANGERE UN COWBOY?
In questo pezzo dalle sonorità elettro-country Rose invita gli uomini a mostrarsi fragili, a lasciarsi andare di fronte ai sentimenti e a non avere paura di loro.

09  TRASPARENTE
TRASPARENTE racconta la fatica di emergere, dell’essere notati, di avere il proprio spazio in un mondo difficile e quel desiderio profondo che condividiamo tutti di essere amati, in primis da noi stessi.

10  COME UN TUONO ft Guè
Ispirato all’immaginario dell’omonimo film con Ryan Gosling, COME UN TUONO è una bachata rap che parla di un amore improvviso e per questo un po’ pericoloso.

11  IO, ME ED ALTRI GUAI
L’ode al proprio casino, sulle sonorità di Tainted Love, e l’accettazione e celebrazione delle imperfezioni che ci rendono così unici.

12  MILANO ALMENO TU
In bilico tra amore e odio verso Milano, la città di Rose, che è la casa dove vivono tutti i suoi angeli, ma anche tutti i suoi demoni.

SCORE TRACCIA PER TRACCIA : Voto 7,15

1. HATTORI HANZO ft Madame – Voto 7,25
2. ⁠CLICK BOOM! – Voto 7,00
3. ⁠STAN ft Ernia – Voto 7,00
4. ⁠HUH? – Voto 7,25
5. ⁠GRAFFITI ft Bresh – Voto 7,50
6. ⁠IL MIO FUNERALE – Voto 7,00
7. ⁠BRUTTI PENSIERI ft thasup – Voto 7,50
8. ⁠HAI MAI VISTO PIANGERE UN COWBOY? – Voto 6,75
9. ⁠TRASPARENTE – Voto 7,00
10. ⁠COME UN TUONO ft Guè – Voto 7,15
11. ⁠IO, ME ED ALTRI GUAI – Voto 6,75
12. ⁠MILANO ALMENO TU – Voto 7,00

DA ASCOLTARE SUBITO

Hattori Hanzo – Graffiti – Brutti Pensieri 

DA SKIPPARE SUBITO 

Nulla. Un disco che scorre e dopo il primo ascolto si riascolta 

TRACKLIST

L’articolo Recensione: ROSE VILLAIN – “Radio Sakura” [Traccia per traccia] proviene da Newsic.it.