Home » Video intervista – IL QUADRO DI TROISI: con “La Commedia” volevamo esprimere il nostro cambiamento

Video intervista – IL QUADRO DI TROISI: con “La Commedia” volevamo esprimere il nostro cambiamento

A quattro anni di distanza dall’omonimo album di debutto, Il Quadro di Troisi torna con “La Commedia”, il loro secondo sigillo. 

Un nuovo lavoro e una nuova line up: il cerchio perfetto disegnato a mano libera da Eva Geist (Andrea Noce) e Donato Dozzy (Donato Scaramuzzi) diventa un triangolo con l’entrata in pianta stabile di Pietro Micioni, che già aveva collaborato al disco precedente e nelle esibizioni live de Il Quadro.

Tutto cambia e anche il mondo non è più lo stesso del 2020, quando uscì il primo omonimo disco: la crisi globale generata dalle guerre e dalle pandemie vissute come specchio di crisi individuali  e cambiamenti personali – anche irreversibili – hanno attraversato l’intero periodo di composizione del nuovo album finendo per influenzarne la scrittura. Ma nonostante tutto, o forse anche per questo, La Commedia vuole essere un disco dove la crisi diventa  opportunità e  il cambiamento si fa rinascita.

A partire dal titolo, che prende spunto da un verso – poi cambiato – di una canzone dell’album precedente che recitava:

Ci piace la commedia, quella di un traliccio al sole”.

Il Quadro di Troisi prova a indagare su quegli aspetti dell’umano che oscillano tra leggerezza e tragedia. Un po’ come nella commedia all’italiana di cinematografica memoria, dove le situazioni difficili diventano uno spunto per reagire e affrontarle, anche in chiave ironica.

Abbiamo incontrato Donati Dozzy e con lui abbiamo attraversato questa piccola gemma della musica italiana contemporanea. 

LA VIDEOINTERVISTA 

ASCOLTA IL DISCO

LA COVER 

La copertina dell’album, così come quella dei singoli che lo hanno preceduto, è opera di Francesco Messina, icona assoluta della musica italiana. Collaboratore e co-autore storico di Battiato, musicista di culto (il suo Prati Bagnati del Monte Analogo, realizzato con Raul Lovisoni, è considerato un disco fondamentale della musica italiana “altra”), fotografo e grafico autore di copertine leggendarie.

LE COLLABORAZIONI 

A dimostrarlo anche le collaborazioni di assoluto rilievo di cui l’album è popolato: da Suzanne Ciani, a tutti gli effetti una leggenda e una pioniera di un certo modo di fare musica che ha attraversato da protagonista assoluta 50 anni di storia, ad Aimée Portioli, meglio conosciuta come Grand River, musicista, sound designer e compositrice italo-olandese ma di base a Berlino.

E poi gli archi di Fiona Brice (violinista, compositrice e arrangiatrice che ha collaborato con artisti come Placebo, Kanye West, Sophie Ellis-Bextor e tantissimi altri), il violino eclettico di Francesca Colombo (di fatto il quarto “angolo” de Il Quadro di Troisi), l’agitatore culturale e icona di Roma Est Stefano Di Trapani aka Demented Burrocacao (Trapcoustic, System Hardware Abnormal, tra le tante cose), il maestro Daniele Di Gregorio (musicista sopraffino, da trent’anni al fianco di Paolo Conte) e Tommaso Cappellato (batterista che definire solo tale è riduttivo: ha suonato ovunque e con chiunque a partire da Rabih Beaini e Maurice Louca, con cui collabora da tempo).

IL TOUR 

Il Quadro di Troisi si prepara anche a tornare dal vivo: le prime date live annunciate del tour, sono:

il 4 giugno in Triennale a Milano
l’11 luglio a Villa Ada Festival a Roma
il 2 agosto a Dekmantel Festival ad Amsterdam
il 31 a Letz Festival a Terni
il 28 settembre al Locomotiv Club a Bologna.

CLICCA PER ACQUISTARE I BIGLIETTI 

WEB & SOCIAL 

https://www.instagram.com/ilquadroditroisiofficial
ilquadroditroisi.com

L’articolo Video intervista – IL QUADRO DI TROISI: con “La Commedia” volevamo esprimere il nostro cambiamento proviene da Newsic.it.